Archive | maggio, 2014

La sorgente inesausta delle storie di Nico Orengo

28 Mag

Figura gigante. Il salto dell’acciuga. Gli spiccioli di Montale | di Nico Orengo | prefazione di Paolo Mauri | ebook Einaudi 2014

Cover_Cézanne

di pierpaolo gallucci

Nico Orengo ci ha lasciato cinque anni fa tondi, la notte tra il 29 e il 30 maggio 2009. Soprattutto, è nato settant’anni fa, il 24 di febbraio del 1944. La casa editrice Einaudi, per la quale a lungo ha lavorato e con la quale ha pubblicato quasi tutto ciò che ha scritto, lo commemora ripubblicandone in un unico e-book uscito da pochi mesi tre libri: Figura gigante (1992), Il salto dell’acciuga (1997 e 2003), Gli spiccioli di Montale (2001), andati esauriti tranne Il salto dell’acciuga. Ma quasi non se ne è parlato, escluso un breve pezzo su La Stampa, che perlopiù tratteggia la figura dello scrittore a lungo per quel giornale responsabile di “Tuttolibri”. Non ci pare però alcuno si dilunghi sul volume. E anche cercando più a ritroso tra vecchie recensioni assai poco, a parte commemorazioni e brani di “L’indice dei libri del mese” su siti di e-commerce cui pertanto non rinviamo. Continua a leggere 

Esercizi di sevizia e seduzione all’ora dell’aperitivo

17 Mag

Esercizi di sevizia e seduzione | di Irene Chias | Mondadori 2013

Cover_Chias2

di piero grignani

Ebbene sì, c’era rimasto l’uzzolo di leggere questa Irene Chias. È vero che ormai il libro sarà introvabile e nessuno più ne parla – e strologare su titoli usciti esattamente un anno fa è un suicidio editoriale – però, che dire, la curiosità per il parallèle proposto a suo tempo da Massimiliano Parente tra l’ultima prova della Chias e quella di Veronica Raimo (a tutto vantaggio della prima) andava soddisfatta. Così si sono fatti i compiti, e oltre agli Esercizi di sevizia e seduzione abbiamo letto anche Sono ateo e ti amo, Elliot 2010, esordio della scrittrice siciliana. Tuttavia non ce ne voglia Parente, ma Raimo vince ancora, di gran lunga. D’accordo che allora su Tutte le feste di domani avevamo avuto da ridire e precisare, ma non sarà un mezzo passo falso a sovvertire i valori e poi Il dolore secondo Matteo, che è il primo libro della Raimo, resta davvero di un altro pianeta, altro che Chias. Continua a leggere